• n. 23 del 6 febbraio 2022

    “D’ora in poi sarai pescatore di uomini “
    Nel racconto di oggi Luca mette in luce un Signore che ci invita a fidarci di lui sulla parola.
    Siamo sul lago di Tiberiade. Una folla fa ressa intorno a Gesù, al punto di
    metterlo seriamente in difficoltà. Gesù non pare essere preoccupato, anzi,
    sembra quasi disinteressarsi della folla e il suo sguardo va a posarsi
    su una scena di pescatori, affaccendati in tutt'altre faccende.
    Un Signore che vede i pescatori sconfortati, amareggiati, in difficoltà,

  • n. 22 del 30 gennaio 2022 - CAMMINO

    "Ora dunque rimangono queste tre cose:
    la fede, la speranza e la carità.
    Ma la più grande di tutte è la carità!"

    Signore, attraverso la carità tu ci inviti ad amare nella forma più grande,
    ci insegni come fare, ci mostri la via...
    ma poi, quasi all'improvviso ci ammonisci, ci scuoti:
    "nessun profeta è bene accetto nella sua patria". Ma come!
    Ero convinto di essere sulla buona strada, di saperti cercare ed ascoltare,
    di non essere "come quel pubblicano"...
    Ma cosa dici, Signore? Io?!? Io non ti accolgo?

  • n. 21 del 23 gennaio 2022

    Signore,
    in questa domenica che Papa Francesco ha dedicato
    alla Parola di Dio,
    ti chiediamo con forza
    la grazia di comprendere appieno il lieto annuncio.
    Perché la tua parola è fonte di vita eterna,
    ci libera dalla schiavitù terrena,
    ci ridona la vista interiore,
    ci guarisce dai mali di questo tempo,
    ci illumina gli occhi nel buio della notte,
    rinfranca la nostra anima,
    è la roccia su cui costruire la nostra casa.
    Fa che anche noi possiamo essere messaggeri di pace e di speranza,

  • n. 20 del 16 gennaio 2022

    Quante volte la vita ci sembra grigia senza colori,
    una vita in cui a volte facciamo fatica a trovare senso,
    in cui ti senti come un’anfora di pietra, vuota;
    ma Tu Signore vieni
    e riempi quell’anfora di vino buono,
    di vino bello.
    Fa Signore che riusciamo sempre ad attingere a quell’anfora,
    a dissetarci di quel vino buono che da gioia,
    che ci fa sentire di essere amati.
    Grazie a Te Donna che hai fatto si che ciò accadesse,
    che hai fatto si che l’ora giungesse.
    Enzo

  • n. 19 del 9 gennaio 2022

    Signore Gesù, sei giunto anche tu al fiume per essere battezzato,
    unendoti a quanti si riconoscono bisognosi di perdono e conversione.
    Aiutaci a ricordarci che sei solidale con noi,
    con le nostre fatiche e le nostre debolezze,
    e che se ti accogliamo avremo la tua forza
    nel risollevarci e trasformare la nostra vita.

    D

  • n. 18 del 2 gennaio 2022

    Una miriade di colori si intrecciano
    Nel Buio totale della notte.
    Pian piano l'aurora squarcia le tenebre,
    Ed ecco finalmente la luce!
    Io rimango stupita ogni volta che assisto a questo miracolo.
    Tu sei là,
    Tu sei la Luce!
    Quante meraviglie hai fatto per noi
    e noi non ti accogliamo come meriti.
    Ti sei fatto carne, Ti sei fatto uomo,
    Ti sei fatto piccolo per abitare dentro di noi.
    Fa’, o Signore,
    che sappiamo abbandonarci tra le tue braccia
    e trasformare la storia del nostro dolore

  • n. 17 del 25 dicembre 2021 CAMMINO

    Signore, Ti ringrazio per esserti mostrato a noi
    per prima cosa come figlio.
    Un figlio che cresce e impara a piangere, giocare, ridere, amare.
    Un figlio che manda in crisi i genitori,
    come tutti i figli sanno fare,
    quando non segue il loro cammino
    e i genitori sentono di aver "perduto".
    Fa che, come Giuseppe e Maria,
    l'amore ci guidi e ci dia la forza
    nel tornare a cercare questo figlio e riportarlo con noi.
    Fa che, come la sacra famiglia, anche noi
    riusciamo a rispettare i tempi e i silenzi

  • n. 16 del 19 dicembre 2021

    “Beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto ”:
    l’evento destinato a cambiare per sempre la storia
    inizia con il “sì” di una donna di Palestina.
    Un assenso incondizionato, pieno.
    L’incontro tra Maria ed Elisabetta è l’incontro tra due donne,
    tra due maternità inconcepibili secondo i metri dell’uomo,
    ma possibili secondo il metro del Padre,
    che è appunto amore incondizionato e totale.
    In quelle due esperienze di maternità, Padre,
    hai sigillato la promessa all’umanità intera, attraverso la storia:

  • n. 15 del 12 dicembre 2021

    In questo tempo di Avvento, donaci la grazia Signore
    di attenderti ancora e ancora.
    Aiutaci nelle difficoltà della vita di ogni giorno,
    donaci la forza di cambiare il nostro rapporto
    con le cose e con le persone come ci esorta il Battista.
    Donaci orecchie attente per ascoltare ed accogliere la buona notizia
    che Dio è vicino a noi, accanto a noi.
    Rendici capaci di gesti d'amore piccoli ma potenti
    (un saluto con il sorriso, un posto ceduto in tram)
    nei confronti dei più piccoli, dei più lontani.

  • n. 14 del 5 dicembre 2021

    Tra tutte le persone di spicco di quel periodo,
    politici, governatori, capi e sacerdoti,
    Dio sceglie di rivolgersi a uno dei più umili:
    Giovanni. Un uomo che grida nel deserto,
    disposto a spianare la strada al Signore che viene.
    Anche noi possiamo aspirare ad una via di salvezza,
    preparando la via del Signore;
    una via che è impervia,
    che ha montagne da spianare, valli da colmare,
    che non permette di camminare.
    Sappiamo che c’è tanto lavoro da fare
    perché la strada diventi dritta,

  • Pagine