• n. 25 del 25 febbraio 2018

    Signore Dio, tu mi prendi con te,
    mi nutri della tua Parola,
    tanto che senza te non so stare.
    Mi proponi un cammino di salvezza,
    e rafforzi la tua alleanza con me
    ogni giorno.
    Mi sento preziosa ai tuoi occhi.

    Con la forza del tuo amore
    mi liberi dal male
    che vuole soggiogarmi.
    Con Te a fianco come alleato,
    ho superato tante prove nella vita
    anche quando dicevo
    “ sono troppo infelice”,
    ma infelice è starti lontano.

  • n. 24 del 18 febbraio 2018

    Signore,
    ci doni giorni di attesa
    e di speranza.

    Signore,
    questo prezioso tempo di Quaresima
    sia per tutti noi occasione per meditare,
    per agire con gesti silenziosi,
    per ritrovare archi di pace,
    per rendere vivo il nostro spirito,
    per riscoprire la Buona Novella
    nella quotidianità del nostro vivere.

    Accompagnaci e guidaci con la tua Parola
    affinché la tua alleanza con noi si fortifichi sempre più.
    Lucia

  • n. 23 del 11 febbraio 2018

    Signore, la tua potenza è grande.
    Un tuo gesto e potresti annientare il mondo.
    Eppure il tuo sguardo umile e premuroso si posa sugli ultimi,
    i poveri, i sofferenti, gli ammalati, i peccatori.
    A loro presti le tue cure, guarisci le piaghe, porti il tuo sollievo,
    dai il tuo perdono.
    Non cerchi gloria, fama, riconoscimenti.
    Lo fai per amore, semplicemente per amore.
    Aiutami a comprendere pienamente il tuo messaggio,
    a non cedere mai all’egoismo,
    a guarire dalle piaghe dell’indifferenza verso i più bisognosi,

  • n. 22 del 4 febbraio 2018

    Cristo Gesù, quanta sofferenza  intorno a me!
    Quanto dolore in me! La mia vita sembra senza speranza.
    E come Giobbe nello sconforto,
    dopo essere stato colpito negli interessi, negli affetti e nel fisico,
    anch’io Ti presento la mia angoscia: “perché tutto questo?”
    Non è una provocazione, non è un grido di ribellione,
    non è la pretesa di avere la risoluzione della malattia in salute.
    Molte sono le risposte che si possono dare a questo interrogativo
    e dalla risposta dipendono le scelte conseguenti:  

  • n. 21 del 28 gennaio 2018

    Nella vita di ogni giorno,
    siamo noi gli indemoniati
    quando ci lasciamo guidare dalle paure,
    quando tristezza e invidia ci sopraffanno,
    quando siamo indifferenti,
    quando agiamo solo per nostro tornaconto,
    quando cediamo alle lusinghe del male,
    quando alla tua Parola preferiamo ascoltare altre voci.
    Vieni Signore, prendici per mano e liberaci.
    E&G

  • n. 20 del 21 gennaio 2018

    Signore,
    tu passi... ci vedi... ci chiami...
    ci inviti alla conversione,
    perché senza cambiamento
    rimaniamo fissi nelle nostre convinzioni,
    bloccati dalle nostre paure,
    schiacciati dai nostri problemi.
    Ma tu Signore non ci lasci soli,
    ci inviti a seguirti, a credere nella buona novella,
    noi però, non sempre ne siamo capaci,
    perché facciamo fatica a lasciare le nostre certezze.
    Abbi misericordia di noi Signore e continua a chiamarci,
    affinché apriamo le nostre orecchie e il nostro cuore a te

  • n. 19 del 14 gennaio 2018

    “Cosa stai cercando”,
    sono le prime parole che il Maestro,
    rivolge a chi vuol seguirlo.
    È una domanda
    che interpella il mio cuore,
    avverto una profonda inquietudine.
    Rimanda ai miei perché,
    allo scorrere della mia vita.
    Comprendo che il materiale non appaga, di cercare altro,
    qualcosa che forse non riesco a definire,
    ma che permetta però
    di dare una risposta,
    al senso del mio esistere.
    Mi accorgo di essere confuso
    e ad oggi discepolo di molti maestri.
    Rabbì, se solo Tu ti fermassi

  • n. 18 del 7 gennaio 2018

    In principio era la Tenerezza
    e la Tenerezza abitava presso Dio
    e la Tenerezza era Dio.
    Venne un uomo mandato da Dio
    il suo nome era Francesco.
    E’ venuto dalla fine del mondo
    per dare testimonianza alla Tenerezza.
    E la Tenerezza si è fatta volto
    occhi di donna, sorriso di bambino.
    Dio Tenerezza è il Dio della terra
    perché tutti abbiano una terra
    l’ha sognata come spazio di libertà,
    paese di pace.
    Dio Tenerezza è il Dio fatto casa,
    perché tutti abbiano una casa
    spazio ospitale,

  • Campo con la familia

    Nullam. Ultrices faucibus sociosqu erat gravida quisque maecenas ligula torquent. Vel sit quis nullam vulputate, maecenas. Augue tempus et lacus at morbi, tempor vestibulum arcu nunc, ultricies tempus habitant luctus ...

  • Azione cattolica

    gnissim condimentum leo viverra felis sem ad vivamus, suscipit amet. Parturient pede tempor adipiscing erat tellus eget magna Donec eleifend. Sociosqu turp donec. Sem, ante Quam risus diam. Blandit ornare, ante vivamus diam, erat mauris habitasse dictum sollicitudin torquent dapibus bus. Morbi laoreet dictumst eget dictumst sit suscipit sit purus ..

  • Pagine