• n. 6 del 14 ottobre 2018

    Signore, aiutaci a capire quanti e quali sentimenti

    abitano nel nostro cuore,

    che fanno gioire e soffrire nello stesso tempo.

    Signore, non cogliamo il tuo sguardo fisso

    ma tanto amoroso su di noi,

    che ci invita ad un cambiamento di vita radicale,

    immediato e fiducioso nel domani.

    Signore, non sentiamo la tua parola dolce e imperiosa

    che penetra nell’animo, sconvolge come un urlo,

    che ci induce a valutare per cosa valga la pena di vivere.

    E noi? Noi in piena libertà di scelta,

  • n. 5 del 7 ottobre 2018

    Signore, nonostante sia uno dei regali più belli

    che Tu abbia fatto a noi uomini,

    il matrimonio fa molta paura oggi giorno!

               Legarsi per la vita ad una persona diversa da noi stessi,

    non solo fisicamente, ma che ragiona in maniera differente,

    prova sensazioni diverse, non sempre ci capisce...

    Oggi posso sopportarlo, ma domani chissà?

    Per questo ci affidiamo a Te Signore,

    perché noi siamo troppo piccoli di fronte a questa grande responsabilità

    ma abbiamo la certezza che Tu ci sostieni,

  • n. 4 del 30 settembre 2018

    Ancora una volta , Signore , 

    tu ci mandi ai nostri fratelli e sorelle,

    e ci chiedi di accompagnarli

    nel cammino di scoperta 

    della tua Parola e della tua amicizia.

     

    Senza nessun merito,

    confidando solo in Te,

    e nella potenza del battesimo ricevuto,

    ti diciamo il nostro "sì" 

    ma, Tu, Signore,

    poni su di noi il tuo Spirito:

    saremo testimoni intelligenti e gioiosi

    del Tuo vangelo

     

    Poni su di noi il tuo Spirito :

    ci ricordi sempre che  è a Te,

  • n. 3 del 23 settembre 2018

    “Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome accoglie me”

     

    Signore, tu metti al centro il più inerme e disarmato,

    il più indifeso e debole, ma il più amato: un bambino.

    Cosa sa un bambino ?

    Non sa di filosofia, né di leggi,

    ma conosce come nessuno altro la fiducia, la tenerezza degli abbracci, l’emozione delle corse, il vento sul viso.

    Ci indichi il bambino come tua immagine

    per farci capire che dobbiamo arrenderci al cuore e al sorriso,

    accettare di lasciare la nostra mano in quella dell’altro,

  • n. 2 del 16 settembre 2018

    "MA VOI CHI DITE CHE IO SIA?"

    Signore Gesù io non ho, come Pietro,

    una risposta così chiara e immediata

    alla Tua domanda.

     

    Spesso, nel mio cammino quotidiano,

    mi chiedo chi sei per me

    e riconosco che le risposte

    sono orientate in base

    allo stato d’animo del momento:

    ci sono giorni in cui la mia fede è viva,

    altri in cui è arida; situazioni

    in cui sento la bellezza della Tua Parola,

    altre in cui non riesco ad accettare il Tuo messaggio.

     

    Tu mi chiedi di seguirTi

  • n. 1 del 9 settembre 2018

    Anche quest'anno è arrivato settembre.

    L'estate con il suo ritmo più lento ci stà per lasciare .

    Le attività riprendono  e cambia il ritmo con cui facciamo le cose.

    La parrocchia riapre i “battenti” e i gruppi ripartono.

    Ma tu Signore?

    Mai come in questo periodo ho sentito che Tu ci sei  vicino ogni giorno

     e cammini al nostro  fianco, con il nostro ritmo.

    L'Eucarestia e la Parola mi sono compagne nella mia strada di tutti i giorni.

     Ma quando il mio fare diventa un po più lento, per il caldo o per le ferie,

  • insieme 2018-2019

    Riprende la pubblicazione settimanale dell'INSIEME. La versione cartacea la trovate sul banco in fondo alla chiesa e la versione on-line la potete scaricare qui: http://www.parrocchiacampalto.it/?q=insieme-online

    BUONA LETTURA

  • n. estate 5

    Non sappiamo parlarti, Signore.
    Parlarti come si parla
    alla propria anima,
    senza ingannarci,
    senza ingannarti.
    Parlarti come il fiore che s’apre,
    come l’astro fisso nella tua luce,
    i cieli assorti nel tuo splendore.
    Non sappiamo che dirti
    trascurate le preghiere,
    o lanciarti il grido
    dell’anima, della carne ferita.
    Insegnaci le parole del silenzio.

    DONATA DONI
    (Il pianto dei ciliegi, p.47.)

  • n. estate 4

    Aiutaci, Madre benedetta, ad ascoltare il Figlio tuo e ad ascoltare Te!

    Aiutaci a credere che la fede cresce

    molto più con silenzi pieni di adorazione e di obbedienza

    che non con tante declamazioni che rischiano di trasformarsi in alibi.

    Aiutaci, Madre benedetta, a saper fare come Te!

    Aiutaci ad ascoltare ed accogliere nel nostro cuore

    le parole di vita eterna, i misteri che salvano,

    perché la nostra storia sia meglio fermentata da queste arcane verità

    che Tu hai compreso e creduto così bene!

  • n. estate 3

    Date bellezza agli uomini che gridano
    il pane e l’odio, costruite bellezza
    per gli uomini affamati e d’occhi rossi
    conturbati in disperazione. Irosi
    chiedono il pane poiché non lo sanno
    di morire per fame di bellezza.
    Il pane è della membra; il cibo uguale
    agli uomini e alle bestie sazia i ventri
    dentro annodati d’ombra. Ma chi placa
    l’angoscia d’essere, il pinto del cuore,
    e del passato e futuro ci cresce?